Marnie dei Ricordi… e del Perdono

Per soli tre giorni, precisamente il 24-25-26 agosto, le sale cinematografiche italiane proietteranno un lungometraggio d’animazione giapponese diretto da Hiromasa Yonebayashi e prodotto dallo Studio Ghibli. La sceneggiatura è tratta dal romanzo della scrittrice e illustratrice britannica Joan G. Robinson “When Marnie was there”.
Personalmente trovo il titolo originale giapponese 思い出のマーニー (Omoide no Mānī), “Marnie dei ricordi”, molto più musicale e suggestivo della versione italiana “Quando c’era Marnie”.
È proprio ai ricordi perduti, infatti, che bisognerebbe risalire, per recuperare il significato profondo di questo piccolo gioiellino d’animazione.
Ma andiamo per gradi.
Anna è un’orfana di dodici anni insicura e introversa. Su consiglio del medico, la madre adottiva decide di farle trascorrere le vacanze estive al mare dagli zii, in modo che l’aria salubre del posto possa guarirla dall’asma.
Gli zii sono molto ospitali e simpatici, ma, nonostante questo, Anna continua a percepire disagio, incapace com’è di accettarsi e di relazionarsi con i propri coetanei. Così non le resta che dedicarsi al suo unico svago: il disegno.
Durante una delle sue abitudinarie passeggiate, alla ricerca di solitudine e d’ispirazione, la ragazzina s’imbatte in una villa misteriosa, circondata da un acquitrino, il cui livello s’innalza e si abbassa con il cambiare della marea.

marnie3
Inizialmente l’abitazione le sembra disabitata, ma visite successive le permettono di scorgere delle luci e, a una delle finestre del piano superiore, le pare di intravedere una ragazza bionda, seduta a una toeletta: una donna anziana, alle sue spalle, le pettina i capelli lunghissimi.
La ragazza non è altri che Marnie, con cui Anna, in occasione di una delle numerose escursioni alla villa, stringe un’amicizia segreta: i loro incontri hanno la consistenza dei sogni e il sapore dolce-amaro dei ricordi nostalgici.
Ecco, torniamo ai ricordi. Il nodo essenziale della storia.
Il lungometraggio è ricco di suggestive metafore, ma quella che più mi ha colpito ha per oggetto l’acqua, l’innalzamento improvviso della marea e il potere gravitazionale esercitato dalla presenza della luna: è sottinteso che i ricordi affiorano in superficie, se alimentati dalla forza liquida e catartica dell’inconscio.
Più potente ancora dell’inconscio c’è soltanto la capacità magica sprigionata dalle anime “interrotte”. Anime che si rivelano per quello che sono veramente, solo a coloro i quali hanno la sensibilità di coglierne il tormento.
Anime che hanno bisogno di saldare il conto con un destino crudele.
Anime creditrici di vita e di sogni.

Marnie.full.1838020
Sogni, sì. Infatti Marnie non è altro che la versione manga di Alice nel Paese delle Meraviglie. Stesso abitino celeste, stessi capelli biondi e occhioni azzurri. Stessa capacità di viaggiare attraverso solide illusioni, scombussolando i cuori, scalzando pregiudizi, insinuando dubbi.
Soltanto che il Paese delle Meraviglie, creato appositamente da Marnie per l’amica Anna, ha un sapore romantico- decadente, ambientato com’è nei dintorni della villa fatiscente, fra siros abbandonati, paludi misteriose e boschi incantati.
La storia, mano a mano che si rafforza il legame di amicizia fra le due ragazze, assume un ritmo sempre più lieve e continuo.
Puntuale come l’innalzamento della marea, Marnie si rivela ad Anna, la conduce a visitare le stanze lussuose della villa, la invita ai party eleganti organizzati dai genitori. Ora è una danza al chiaro di luna; ora è una gita in barca al tramonto, con le increspature all’orizzonte rese cangianti dalla lama obliqua dei raggi; ora è una sfida alla furia del temporale, incanalata nell’abisso cilindrico del siros buio e pericolante.
Le vacanze estive di Anna si trasformano piano piano in un’esperienza catartica, che le rivelerà chi è veramente, aiutandola ad accettare il dolore di un passato ormai rimosso e consentendole di comprendere il valore irrinunciabile del perdono: gesto generoso e salvifico, in grado di liberare le persone che amiamo e soprattutto noi stessi.

1429516309_1427741480_when-marnie-was-there-2014