Stolpersteine – Pietre d’inciampo

Il mio cuore è inciampato su una pietra lucente, è rotolato su incisioni scabrose.

Si è ferito sulle asperità delle “A”, sul pugnale tagliente delle “I”.

È stato inghiottito dall’abisso divaricato della “V”.

Lettere acuminate che tagliano la carne.

 QUI ABITAVA

ANNA TERRACINA

NATA 1921

ARRESTATA 7.4.1944

DEPORTATA AUSCHWITZ

Morire a ventitré anni, Dio mio!

Perdere ogni diritto, ogni dignità e poi morire!

I miei occhi scorgono un’ombra femminile accovacciata, che insegue con indice tremante poche righe.

Un’anima giunta da chissà dove, per leggere quello che un giorno era stato il proprio nome: sussurrato da un giovane amore; invocato da genitori affranti; disprezzato e sostituito, con un numero tatuato sull’avambraccio, da un soldato sconosciuto.

I passanti, presi dalla propria vita, la sfiorano inconsapevoli. Assenti.

Io, attirata dalla sua morte, mi avvicino incredula. Presente.

Un sussulto confuso di malinconia, e l’anima si disperde nel vento gelido dell’inverno. Eterna.

 

Annunci

Spleen

La Memoria non è una sottile linea rossa che collega rapida il Presente al Passato.

E’ un intricato Groviglio di scuri Arabeschi che indugia, contorcendosi sapientemente, nei brevi tratti in cui incontra Felicità.

La Ragione si smarrisce in quell’Imbroglio e la Marea nera e densa della Malinconia la sommerge coi suoi pigri Flutti